Ai miei tempi …

Nella Giornata Mondiale Contro il Femminicidio non può mancare il nostro contributo che si è concretizzato venerdì 23 novembre con la presentazione della commedia “Ai miei tempi” presso l’Auditorium Pertini di Cinisello Balsamo, 6^ edizione dello Spettacolo di Donna ideato, scritto e messo in scena grazie alla creatività del nostro staff.

La storia delle tre protagoniste ha permesso di riflettere sui cambiamenti intercorsi nelle ultime generazioni affrontando temi seri e leggeri grazie al contributo di chi ha messo in gioco le proprie competenze e la propria professionalità.

Per questo ringraziamo tutti coloro che hanno collaborato allo spettacolo.

Susanna Mulas (nonna Pina), Cinzia Cescon (la figlia Antonella) e Daniela Cona (la nipote Maya)

Alfred nella parte del fidanzato Luca

Elena Bianchin e Michele Picca, madre e figlio adolescente ribelle

Cinzia Librizzi con “Il grembiule della nonna”

Daniela Di Domenico con “Le parole” di Stefano Bartezzaghi

La strepitosa Olga Albanese che ha cantato “Fatti bella per te”, “Respect” e “Man, I feel like a woman”

La mente e il cuore della nostra regista, Caterina Indelicato

Lorena Usai e Angela Valentini che hanno coordinato l’attività di sala

I giovanissimi collaboratori: Mattia D’Amico Mulas, Rebecca Mazza, Giulia Meazza, Chiara Meazza

Tiberio Mazza per le riprese video

I ragazzi dell’Associazione Arcipelago preparati da Monica Pozzo: Verdiana Bonanno, Gaia Piperis, Teresa Matrone, Stefano Savio

Le modelle dell’istituto di Moda “Montale” di Cinisello Balsamo con le prof.sse Giuseppina Montefusco, Rosalinda Bonura, Donatella Piccolo, Raffaella Ceci e il prof. Orazio Valenti

Le ballerine Irene Mariani, Martina Guidetti, Erika Daino, Sara Semonella, Veronica Di Mauro, Ambra Cattaneo che con Sara Mingiardi hanno sfidato la pioggia novembrina coinvolgendo tutti nel flashmob sulle note di “Human” per dire NO alla Violenza contro le donne.

Ringraziano il Commissario della Croce Rossa Italiana, Walter Riva, presente alla serata e l’Assessore alle Pari Opportunità Daniela Maggi che è intervenuta  in qualità di rappresentante dell’amministrazione comunale.

Il grazie più grande va al numerosissimo pubblico sempre attento alle nostre proposte.

Lo spettacolo di Domnia da non perdere!

Lo spettacolo di Domnia da non perdere!In occasione della Giornata Mondiale contro il Femminicidio molti sono gli eventi in programma ma il nostro è davvero irrinunciabile! Siamo giunte alla sesta edizione dello Spettacolo di Donna con il quale offriamo una serata divertente con spunti di riflessione sul mondo femminile.

Quest’anno vi aspettiamo in una location diversa e prestigiosa quale l’Auditorium del Centro Pertini: abbiamo preparato per voi un evento innovativo con ospiti speciali.

Non mancate Venerdì 23 novembre alle ore 21! 

Ritmo & Armonia …

DANZA CON NOI PER DIRE NO ALLA VIOLENZA

Noi 1Domnia ha una carta vincente e la gioca con tutte voi!

La nostra Sara Mingiardi, insegnante coreografa modern e socia fondatrice dell’associazione, ha un curriculum di tutto rispetto e lo mette a nostra e vostra disposizione per una serata davvero speciale.

Venerdì 26 ottobre dalle 19:30 alle 21:30 si balla!

L’evento è gratuito e si terrà presso la palestra della Scuola Villa in via Verga a Cinisello Balsamo: non perdete l’occasione e prenotatevi inviando una mail a domnia@domnia.it o telefonando al numero 392 5971229

Il divertimento è garantito!

Ritmo & Armonia ...

Autunno con Domnia

Autunno con Domnia 1Con l’arrivo dell’autunno si fa il cambio dell’armadio ma non si cambiano le buone abitudini!

Domnia ha in serbo per voi una stagione ricca di eventi, primo fra tutti la proposta del Corso di Educazione alla Difesa Personale che è nostro punto di forza. Come d’abitudine il corso comincerà a gennaio ma siete invitate ad iscrivervi sin d’ora contattandoci al numero 392 5971229 oppure inviando una mail a: domnia@domnia.it

Non è tutto! L’evento con cui vogliamo ritrovarci sarà gestito da Anna Volpi giovedì 11 ottobre alle 20:30 presso il Centro Azimut: La parola sorprendente è il titolo della serata che unirà musica e poesia in un mix di riflessione e divertimento da non perdere.

Per chi suona la campanella?

Corso di Educazione alla Difesa Personale 2018

Per chi suona la campanella?Riassunto delle puntate precedenti:

– Corso 2014 …fatto!

– Corso 2016-17 …fatto!

– Corso 2018 …fatto!

Eccoci qui… anche per questa edizione è suonata la campanella finale!

Abbiamo iniziato a gennaio, con tempo freddo ed incerto, in un buon numero di signore e signorine molto diverse fra loro ma sicuramente unite da un denominatore comune che le spinte a frequentare la nostra attività: forse la curiosità di scoprire cosa si cela dietro ad un titolo come Corso di Educazione alla Difesa Personale, il semplice mettersi alla prova e sperimentare personalmente, forse… forse…

Sono solo ipotesi le nostre ed al quesito non siamo certo noi a poter dare risposta ma solo loro, le protagoniste, ed è proprio a coloro che hanno frequentato con costanza e partecipazione che chiediamo di farci avere la loro opinione attraverso il blog. In verità, ci piacerebbe avere un commento o un suggerimento da parte di tutte le ragazze che in questi anni ci hanno regalato la loro presenza!

Da parte nostra, possiamo ringraziare tutte perché abbiamo avuto la possibilità di apprezzare l’impegno, l’entusiasmo, la condivisione di esperienze personali, i dubbi,  le incertezze e, a volte, anche la sofferenza esternata senza paura come si fa con le amiche più care.

Per tutto questo vi ringraziamo.

Vi ringraziamo per la fiducia che ci avete voluto dimostrare e ci fa riflettere e gioire perché capiamo di aver raggiunto il nostro obiettivo confermando, ancora una volta, la forza di noi donne.

Vi salutiamo con l’augurio di un sereno cammino di vita e la speranza di poter condividere insieme altre fantastiche esperienze con Domnia.

Olga

Per chi suona la campanella? 1

Un nuovo evento per le amiche di Domnia

C’è trucco per te : Giovedì 17 maggio ore 20:30 presso il Centro Azimut

Bozza automatica

Parlare di trucco affascina da sempre e sin dall’antichità le donne amavano sottolineare le caratteristiche del viso con colori e terre: i primi ad aver inventato una linea cosmetica furono gli antichi Egizi che utilizzavano la Kohl, una polvere scura ottenuta da mandorle bruciate, piombo, rame, minerali, cenere e ocra. Il composto era applicato con un bastoncino per dare all’occhio una linea a mandorla ritenuta molto attraente: tutte ricordiamo lo sguardo di leggendarie regine come Cleopatra e Nefertiti che usavano il pesante make up anche per proteggere gli occhi da infezioni.

La storia della cosmesi è molto interessante perché accompagna le trasformazioni del mondo femminile e del ruolo sociale della donna; per questo abbiamo pensato ad un evento che potesse ricordare uno dei messaggi che abbiamo voluto lanciare nel nostro ultimo spettacolo: fatti bella per te! Chi ha partecipato alla nostra serata non ha certo dimenticato l’esecuzione di Olga che ha presentato il testo di Paola Turci con la sua voce graffiante!

Abbiamo coinvolto un’esperta che ci guiderà nel magico mondo dei colori, dando indicazioni pratiche per realizzare il trucco più adatto ad ogni volto e per sentirsi belle in ogni situazione. Ti aspettiamo!

Domnia è in YouTube!

Domnia è in YouTube!Siamo orgogliose di presentare il nostro canale YouTube dove troverai i video dei nostri spettacoli per vedere e rivedere i momenti più significativi, ridere con noi per le inevitabili gaffe, ricordare le nostre riflessioni e pensare … ma quanto manca al prossimo spettacolo?
Tranquilla, stiamo già lavorando alla prossima serata!

Iscriviti al canale per non perdere nessun aggiornamento.

Mille sfumature tra gli opposti

Mille sfumature tra gli opposti 1

Il cervello apprende per paragoni.

Si capisce il caldo in relazione al freddo.

Il dolce in relazione all’amaro.

La leggerezza in relazione alla pienezza.

Il vuoto in relazione al pieno.

Il bene in relazione al male. (Yin e Yang)

Gli estremi, per loro accezione, sono due opposti che, per la nostra cultura, non sono integrabili. Insomma, esistono bianco e nero, giusto o sbagliato e così all’infinito citando ogni cosa ed il suo contrario. Fin da piccoli ci insegnano a riconoscere gli estremi e ci viene richiesta la capacità di etichettarli. Questo ci permette di crescere con certezze assolute che in adolescenza si accentuano per la necessità dell’individuo di evidenziare le proprie conoscenze e le proprie competenze.

Ma poi si cresce… e nascono i dubbi! Si scopre che non tutti etichettano allo stesso modo gli estremi, si scopre come il nero non sia giocoforza il colore del lutto o avanzare il cibo nel piatto non sia una mancanza di rispetto e così via, dagli aspetti banali a quelli più importanti. Allora ci si inizia a domandare se questo mondo così ricco di colori, di sfumature, di toni possa veramente esser ridotto in estremi e se questi ultimi siano davvero così netti. Nelle diverse culture sono presenti gli stessi estremi ma in che modo sono in correlazione tra loro? Esiste davvero una persona totalmente buona o totalmente cattiva oppure in ogni persona coesistono entrambi gli elementi? Anche nella persona molto buona vi è una vena di cattiveria e viceversa!

Vivere con i dubbi è faticoso! E’ faticoso non essere in grado di etichettare il mondo che ci circonda con le stesse certezze di quando si è giovani. E’ faticoso vivere ogni cosa come se fosse sempre nuova ma il tempo ci permette di analizzare con sguardo maturo e maggiore ingenuità nel cuore. Forse questo è uno dei modi per godere delle meravigliose sfumature della vita.

Caterina

La donna che canta

La donna che cantaHo visto un film bellissimo e non posso non parlarne qui perché la protagonista è una donna, la donna che canta. Una donna che dalla vita ha avuto dolori e amore, guerra e speranza, battaglie e sogni. Una donna che ha spezzato la catena dell’odio che fino alla fine ha cercato di piegarla senza riuscirci.

Un film che dalla prima scena incolla allo schermo lo spettatore che, come Nawal e i suoi figli Jeanne e Simon, vuole sapere la verità, una verità scomoda e dolorosa ma necessaria per fare chiarezza e per comprendere i silenzi e il canto, unica arma di difesa dalla follia.

Un film indimenticabile, tratto dall’opera teatrale Incendies di Wajdi Mouawad che, pur facendo riferimento alla guerra civile in Libano, tiene volutamente nel vago i luoghi della guerra e fa pensare ancora oggi alle violenze e agli orrori che ogni conflitto porta con sé.

Un film da non perdere, fidatevi.

Anna

Energia dei colori

Energia dei coloriDa alcune settimane sono molto attratta dal verde: ho comprato le tende nuove e gli accessori per la cucina verdi e una giacca verde, scrivo quasi esclusivamente con la mia penna preferita che ha l’inchiostro verde. Mi sono chiesta il motivo e ho ricordato l’intervento del dott. Cappiello che, durante una delle nostre serate “teoriche”, parlò a lungo delle affascinanti teorie di associazione tra colori e psiche. Così ho cercato tra i miei quaderni gli appunti della serata e ho pensato di condividere qui alcune informazioni interessanti con l’idea che possano essere utili anche durante il prossimo evento (a proposito … da non perdere!) dedicato al make-up: dopotutto, si tratta sempre di colori!

NERO: autorevole e possente, sofisticato, misterioso. Rappresenta una mancanza di colore, il vuoto primordiale ma rilassante, evoca senso di potenza e opportunità.

BLU: il colore dei mari e del cielo, è una presenza costante nella nostra vita. Trasmette fiducia, affidabilità e impegno, induce calma e riposo. E’ il colore delle persone intuitive.

VERDE: il colore della foresta, rilassa mentalmente e fisicamente. Aiuta ad alleviare depressione, nervosismo ed ansia. Offre un senso di ripresa, autocontrollo e armonia.

ROSSO: il colore dell’energia, stimola l’aumento delle pulsazioni e il battito cardiaco. Favorisce l’entusiasmo, incoraggia all’azione, fornisce un senso di protezione da paura ed ansia.

GIALLO: infonde felicità, ottimismo ed energia oltre che suscitare pensieri creativi. Stimola il sistema nervoso, attiva la memoria, favorisce la comunicazione. E’ il colore di chi ama conoscere gente, degli esploratori e dei sognatori.

BIANCO: richiama purezza, pulizia e neutralità. Infonde chiarezza mentale, incoraggia a fare ordine, purifica i pensieri e favorisce i nuovi inizi.

Anna